Le melanzane a “canazzu”: un’antico modo palermitano di cucinare le verdure di stagione

 Il dialetto siciliano, come del resto tutti i dialetti, è ricco di termini” intraducibili” poichè tradotti perderebbero significato dato che  la maggior parte di questo risiede nel suono “onomatopeico” che la sua  pronuncia evoca. Un esempio è offerto dal termine “canazzu” che oltre a dare un’accezione dispregiativa alla parola “cane” in siciliano  indica un modo “grossolano” di preparare un gustoso piatto di verdure di stagione. Ecco le origini e la gustosa ricetta delle “melanzane a canazzu”.M.Za. Continua a leggere

La “Festa di San Giuseppe” di Sara Favarò: un emozionante percorso alla scoperta delle origini del culto del padre di Gesù

(di Manuela Zanni) La figura di San Giuseppe come sposo e padre modello da sempre ha affascinato molti scrittori che si sono documentati sulla storia della sua vita trovando in essa le radici della sua fede, dei simboli e dei riti legati a questa grande figura di uomo esemplare.Tra questi si distingue la scrittrice Sara Favarò insignita lo scorso 13 marzo del Diploma Honoris Causa in Scienze della Comunicazione dall’Accademia di Sicilia e autrice, tra i tanti , del libro “La festa di San Giuseppe. Origine, riti, fede e simboli.
Continua a leggere

“Li sfinci ” siciliane e “e zeppule ” napoletane : due irrinunciabili tradizioni per la festa del papà.

fonte www.panoramio.com

Se  sbirciassimo  nelle cucine delle donne palermitane e napoletane  nel periodo che va dalla sera della vigilia alla mattina di San Giuseppe (19 marzo), troveremmo di certo  le prime affaccendate nell’impastare, friggere e farcire le famose sfince, e le seconde non meno impegnate nella preparazione delle zeppole. Di seguito le origini di queste tradizioni  e  le ricette per realizzarle in casa . M.Za.

Continua a leggere

Pasta con le sarde (a mare ) e carciofi con il tappo d’uovo : due piatti “umili” legati alla tradizione di San Giuseppe

fonte www.bibigas.it

Sono tante le ricette della tradizione di cui esistono delle varianti “povere” inventate dai ceti meno abbienti, in cui alcuni ingredienti vengono modificati con altri più economici o, addirittura,  del tutto eliminati. E’ questo il caso della pasta con le “sarde a mare” che è una variante della classica pasta con le sarde, piatto che  tradizionalmente si prepara per San Giuseppe. Altrettanto  gustosi e immancabili sono i carciofi con il tappo d’uovo .Ecco le semplici e profumatissime ricette.M.Za. Continua a leggere