Le “Madaleines” di Proust: il più soffice dei cibi del conforto

(di Manuela Zanni) Ciascuno di noi  ha un cibo, un gusto, una pietanza il cui solo odore, ma ancor prima, l’idea di mangiarlo, ci conforta se siamo tristi, ci aiuta a superare dei momenti difficili e, pur non potendo risolvere i problemi, ci aiuta  a metterli, temporaneamente, da parte, almeno per la durata del magico incontro del nostro palato con quello o quegli ingredienti  la cui combinazione consente ai nostri sensi di compiere  un meraviglioso viaggio  fino alla nostra infanzia e di farci ritrovare le nostre radici. E ciò che accade a  Marcel Proust nella sua opera  “À la recherche du temps perdu” .Scopriamo insieme il perché e la gustosa ricetta.  Continua a leggere

A Sferracavallo dolci e leccorniè aspettando i fuochi in onore dei SS. Cosma e Damiano

(di Manuela Zanni) Il borgo marinaro di Sferracavallo, si veste a festa ogni anno a fine settembre, per onorare la memoria dei Santi Medici Cosma e Damiano che hanno curato i loro pazienti senza pretendere nulla in cambio. Ogni anno l’evento registra   “il pienone” al pari di grandi star internazionali.

Continua a leggere

L’Amaro della Santuzza, il liquore alle erbe del cammino di Santa Rosalia

(di Manuela Zanni) Il Santuario di Santa Rosalia è una meta che attrae migliaia di pellegrini e turisti ­tutto l’anno,  in particolare a settembre, mese in cui, a cominciare dal giorno 4, si festeggia la Santuzza. Continua a leggere

L’ “acchianata”di Santa Rosalia:un percorso fisico e spirituale lungo Monte Pellegrino

www.gooliver.com

di  Manuela Zanni

Se vi foste  persi il 15 luglio  il festino di Santa Rosalia, patrona di Palermo, o  se siete  tra coloro che ogni anno non  lo perdono mai e dopo i fuochi d’artificio sono già  pronti ad acclamare la “santuzza” per chiederle di concedere il “bis” come si trattasse di una star di Hollywood, il 4 settembre, giorno in cui si celebra la santa, non perdete la cosidetta “acchianata” ossia la salita a piedi su Monte Pellegrino per raggiungere il santuario a lei dedicato. Ecco l’origine  di questa antica tradizione. Continua a leggere