Panelle & Crocchè : “street food” alla palermitana

(di Manuela Zanni) Santa Lucia è il giorno in cui arancine, cuccìa, panelle e crocchè, fortunatamente presenti durante tutto l’anno nelle tavole dei palermitani, conoscono il loro momento di gloria poiché vengono prodotte e consumate in maniera copiosa in onore della martire che in questo giorno sollevò la popolazione messa  in ginocchio dalla carestia facendo arrivare al porto di Palermo un bastimento colmo di grano. Alla fine la facile e preziosa ricetta delle panelle. Continua a leggere

Santa Lucia : la Festa della Luce

(di Manuela Zanni)Il giorno di Santa Lucia è legato a tanti simbolismi religiosi e pagani che rendono questa festa molto sentita in tutto il mondo. Insieme proveremo a fare un interessante viaggio  per capirne il vero significato attraverso  antiche tradizioni fino alle più famose ricette siciliane di arancine, panelle e crocchè.

Continua a leggere

Il Buccellato, un antico gioiello della pasticceria siciliana in onore dell’Immacolata

 (di Manuela Zanni) Se mai vi fosse capitato di vedere d’estate fichi messi ad asciugare al sole su grandi tavole di legno infilati in fili di spago o “incannati” ossia infilzati in lunghe canne, sappiate che, una volta essiccati,   si preparano a svolgere,  un importante compito: costituiranno il ripieno, insieme a noci, mandorle e uvetta di uno dei più antichi “gioielli” della pasticceria siciliana: il buccellato, dolce tipico del periodo natalizio che si appresta a rallegrare la nostra tavola delle feste. Continua a leggere

L’antico mondo dei legumi: umili origini e ricchezza di sapore

(di Manuela Zanni) I legumi sono una ricca fonte di proteine in grado di supplire, se inserite all’interno di una dieta equilibrata, a quelle contenute nella carne e altri prodotti di derivazione animale  per vegani e vegetariani, ma anche di offrire una semplice alternativa alla dieta degli onnivori. Scopriamone le proprietà e la ricetta delle polpette di lenticchie alla cannella. Continua a leggere

La pastina in brodo : panacea contro l’influenza

(di Manuela Zanni) Quando si ha la febbre si vive in una dimensione aspaziale e  atemporale in cui le giornate trascorrono lontane dalla routine quotidiana e siamo costretti, nostro malgrado,  a staccare la spina e a vivere in una realtà parallela in cui diveniamo spettatori della nostra vita. Questa pausa forzata può avere un aspetto positivo poiché ci costringe a rallentare i ritmi frenetici a cui siamo abituati dalla nostra quotidianità e in questa dimensione possono riaffiorare alla mente i ricordi delle cure amorevoli ricevute durante l’infanzia e della pastina in brodo in grado di curare tutti i mali .La ricetta della pastina in brodo al profumo di cannella. Continua a leggere