UN FINE SETTIMANA A SCICLI ALL’INSEGNA DEL “BUON GUSTO”

 

Scicli (RG)

Prendi un paese come Scicli, perla barocca incastonata nel territorio ragusano, in cui il tempo sembra essersi fermato, unisci a questa splendida cornice una eccellente ospitalità da parte degli abitanti in grado di fare sentire chiunque a casa propria, aggiungi una giornata in cui un tiepido sole  ha il  profumo inebriante di piante aromatiche e, per concludere, un percorso tra gusti semplici legati alla tradizione. il risultato? Un fine settimana  all’insegna del” buon gusto”.Tante curiosità e una gustosa ricetta semplice da realizzare: ” u pisci i terra “.M.Za.

 Orgoglio del  territorio ragusano  ma anche emblema di una filosofia di vita, Scicli è un paese in cui ci si può ancora permettere di passeggiare con  passi lenti tra monumenti realizzati dall’uomo, con grandi blocchi di pietra bianca e balconi imponenti, e meraviglie  create da Madre Natura.

L’origine della città di Scicli si può far risalire al periodo III Siculo che comprende gli anni dal 1500 a.c. all’800 a.c. Probabilmente prese il nome dai suoi fondatori, i Siculi, poi riportato dagli Arabi in Shiklah.

Cristo in Gonnella-
Chiesa di San Giovanni
Scicli

Scicli è uno dei principali centri del barocco siciliano, insieme a  Noto, Ragusa, Modica e Siracusa. Il barocco rappresenta, infatti, uno dei periodi più emblematici dell’architettura della città. Di costruzioni e chiese di stile barocco rimangono tanti esempi tra cui Palazzo Beneventano, la Chiesa di Santa Teresa, la Chiesa di San Bartolomeo . All’interno della Chiesa di  San Giovanni è possibile ammirare un quadro particolare il “Cristo in gonnella”di scuola fiamminga mentre la Chiesa Madre custodisce la statua della Madonna delle Milizie che ogni anno il primo sabato di maggio, brandendo la sua scintillante spada, viene portata in trionfo  in groppa al suo cavallo bianco.

Madonna delle Milizie
Chiesa Madre- Scicli (RG)

Se le meraviglie architettoniche e naturali  sono sotto gli occhi di tutti, non meno evidente dopo un semplice giro in paese è l’accoglienza da parte degli sciclitani che non si risparmiano nel dare spiegazioni,  sulle chiese e i monumenti, che nulla hanno da invidiare a quelle delle guide più esperte.

Altrettanto  degna di nota è la capacità ricettiva che, grazie all’adozione della formula del cosidetto “albergo diffuso”, riesce ad offrire  ai turisti ospitalità all’interno delle case degli abitanti, senza creare impatto ambientale facendo vivere agli ospiti viaggiatori un’esperienza autentica e non convenzionale.

B&B Fiumillo
Scicli (RG)

In particolare segnaliamo la cordiale accoglienza di Ezio Occhipinti proprietario del B&B Fiumillo, appartenente al circuito dell’albergo diffuso, in cui se troverete libere le stanze dalle mura in pietra viva, avrete  la possibilità di trascorrere una notte in un’ atmosfera d’altri tempi arricchita da confort e   arredi  dal design moderno.

Museo del Costume e della Cucina
Scicli (RG)

Passeggiando per le vie del centro storico ci imbattiamo immediatamente nel Museo del Costume e della Cucina, che accoglie nella parte iniziale  abiti dal Settecento alla prima metà del Novecento, provenienti da tutta Italia e da altri Paesi che sì affacciano sul Mediterraneo. Dal 2009 è stata allestita una seconda unità etnografica dedicata alla Cucina in cui è possibile ammirare utensili e suppellettili tipici della cultura gastronomica  rurale.

Azienda “Gli Aromi” di E. Russino
Scicli (RG)

Proseguendo il nostro itinerario all’insegna del buon gusto, segnaliamo la giornata trascorsa all’interno dell’azienda “gli Aromi” di Enrico Russino  organizzata  in collaborazione con Oriente Sud di Floriana Padua. In questa occasione è stato possibile compiere un percorso olfattivo tra l’immensa  varietà  di piante aromatiche coltivate  dalla famiglia Russino il cui  motto  consiste nella volontà di proporre eventi in grado da coinvolgere emotivamente i partecipanti in un percorso aromatico legato di volta in volta ad una o più tematiche   connesse al gusto in tutte le sue infinite accezioni e sfaccettature.

Il percorso  olfattivo culmina con un gustoso aperitivo di campagna a base di bruschette con patè di finocchietto selvatico, pomodori secchi e formaggio ragusano, e foglie di salvia in pastella.Al percorso olfattivo, segue quello  “gustativo” all’interno del Ristorante Satra, il cui nome deriva dall’omonima pianta aromatica  dalla quale si ricava un miele denso dal profumo intenso. All’interno arredi sobri ed eleganti riscaldati da pareti di nuda pietra, rendono gli ambienti accoglienti e confortevoli.

Ristorante Satra
Scicli (RG)

La cucina, opera della Chef Rita Russotto e della sua efficente brigata di cucina, riesce a conquistare il palato grazie al gusto di sapori semplici impreziositi da molteplici  note aromatiche.

Macco di fave con quennelle di ricotta, Caserecce con pesto di erbe , carciofi e caciocavallo, calamaro ripieno con contorno di carciofi e patate e ricotta zuccherata con  fico caramellato e cialda croccante sono state le pietanze proposte ai clienti, con delle variazioni che hanno tenuto conto delle esigenze di vegetariani, vegani e  celiaci.

Per tutti coloro che sono rimasti almeno un pò affascinati da questo percorso dal  profumo di erbe aromatiche e dal gusto di sapori genuini e raffinati, riportiamo, di seguito la semplice e gustosa ricetta dei “pisci di terra”.

 

 

PISCI DI TERRA

Ricetta della Chef Rita Russotto

“pisci di terra”

 

Ingredienti per 4 persone

2 finocchi

1 cipolla

12 foglie di salvia

olio di semi di mais

sale e pepe

Per la pastella

un uovo (preferibilmente di galline allevate all’aria aperta)

350 gr. di farina di grano duro

150 gr. di acqua frizzante fredda

Preparate la pastella mescolando la farina con l’uovo e l’acqua e lasciatela riposare in frigorifero per circa un’ora. Nel frattempo tagliate la cipolla e i finocchi a fette larghe circa un cm.Immergete le foglie di salvia e le verdure , una per volta, nella pastella, quindi tuffatele nell’olio bollente fino a completa doratura. Salate e pepate a piacere. Servite caldo.

Manuela Zanni

 

 

 

1 thought on “UN FINE SETTIMANA A SCICLI ALL’INSEGNA DEL “BUON GUSTO”

  1. Pingback: Saggi & Assaggi parla di noi | Scicli Albergo Diffuso

Lascia un commento